Bimbominkiate sull'euro

Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking in lingua italiana

Moderator: ravestorm

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby claudio vda » Sun Sep 02, 2012 6:28 pm

ART wrote:Non c'è dubbio: uno dei candidati al PREMIO GIULIETTO CHIESA 2012 è sicuramente Beppe Grillo.
Riporto una mitica frase tratta da un'intervista rilasciata a maggio dal nostro eroe rivoluzionario, durante uno dei suoi discorsi in favore dell'uscita dell'Italia dall'Euro:

“Affrontiamo questo tema, non può più essere un tabù. Mentre il nostro debito cresce, la spesa non è più sotto controllo, le aziende chiudono, il costo del lavoro cresce, i salari scendono e non abbiamo più il potere di contrattare il nostro debito”.

Avete capito? Il costo del lavoro cresce ma i salari scendono :mrgreen:


Non ti scandalizzare per così poco, oggi ha detto che il virus dell'HIV è una invenzione e che la malattia viene causata, fra l'altro, da alcuni farmaci! :lol:

Che faccio, chiamo perle complottiste? :roll:

Sul fatto che le multinazionali del farmaco abusino della propria posizione dominante sono d'accordo, ma sostenere che la Sindrome da Immuno Deficienza Acquisita (AIDS in Inglese) sia una loro invenzione mi sembra un po' esagerato...
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!

User avatar
giulcenc
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8157
Joined: Mon Feb 06, 2006 9:53 pm
Location: Riccò del Golfo + Lerici (SP - Italy)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby giulcenc » Sun Sep 02, 2012 8:56 pm

Infatti, sanno tutti che l'AIDS altro non è che un flagello punitivo che il misericordioso e buon Dio dei Giusti invia sulla Terra per colpire e sterminare gli infedeli e coloro che vivono nel peccato. :roll: :mrgreen:

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby claudio vda » Sun Sep 02, 2012 9:07 pm

giulcenc wrote: gli infedeli
giulcenc wrote:coloro che vivono nel peccato


Porc! Debbo stare attento, allora! :?
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!

User avatar
MorgenSchatten
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 2979
Joined: Sun Mar 08, 2009 12:44 pm
Location: Cagliari

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby MorgenSchatten » Thu Dec 13, 2012 9:22 pm

my stats here (NIG 1.84)! last update: 16th October 2011.

and you still won't hearing me

lie to me: give me anything-anything to keep me breathing

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby claudio vda » Fri Dec 14, 2012 7:52 am



Quindi secondo loro un'inflazione a due cifre (forse tre) è un bene per l'economia? 8O
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!

User avatar
MorgenSchatten
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 2979
Joined: Sun Mar 08, 2009 12:44 pm
Location: Cagliari

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby MorgenSchatten » Fri Dec 14, 2012 10:25 pm

claudio vda wrote:


Quindi secondo loro un'inflazione a due cifre (forse tre) è un bene per l'economia?


Berlusconi ha più volte ribadito che le svalutazioni competitive sono la soluzione e che l'Euro è un vincolo che rende impossibile questo genere di pratiche. Oggettivamente ineccepibile (se decontestualizzato). Ma l'Italia ha ancora il potere manifatturiero dei tempi dell'inflazione a due cifre? Ha ancora un mercato interno che coi consumi interni possa sostenere buona parte di questa produzione di massa che rimarrebbe fuori dalle esportazioni? Perché poi, diciamocelo, ai tempi lo facevano anche cani e porci l'export, che mica c'era la concorrenza dei paesi emergenti. (ma, come detto prima, il problema non si pone, il potere manifatturiero dell'Italia è praticamente decimato, anche chi se la cavava benino con poco ai tempi, non esiste più, che è stato sacrificato ai grandi giochi della globalizzazione che hanno assegnato la produzione delle merci dozzinali ad altri)
Berlusconi, o Libero, quando fanno questi discorsi tirano fuori un amarcord, fanno un riferimento implicito ad un tempo ormai andato, ma senza dire che quelle condizioni non ci sono più, e non a causa dei vincoli posti dall'Euro.
my stats here (NIG 1.84)! last update: 16th October 2011.

and you still won't hearing me

lie to me: give me anything-anything to keep me breathing

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5203
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby ART » Fri Dec 14, 2012 11:19 pm

Il discorso di morgen non fa una piega se per "manifatturiero" intendiamo le produzioni anche di buona qualità ma di contenuto tecnologico e lavorazione relativamente scarsi/semplici, tipico esempio il settore tessile per citarne uno, eppure l'Italia è ancora un grande esportatore di produzioni avanzate elettroniche e metalmeccaniche. Qui il discorso all'apparenza sembrerebbe filare meno liscio ma in realtà rimane valido anche di più, per il semplice motivo che la "svalutazione competitiva" è il peggior nemico della tendenza alla ricerca e alla produzione di qualità, che sono gli unici due fattori che rendono concorrenziali i prodotti ad alta tecnologia quando è impossibile avere un costo del lavoro basso come quello dei concorrenti. Piangere svalutazioni e svalutare in continuazione abbiamo visto bene in Italia cosa comporta, e abbiamo visto cosa comporta fare il contrario come in Germania: per chiunque non abbia interessi o ideologie politiche da difendere non c'è paragone possibile, la strada giusta è quella tedesca.

Non c'è niente di strano che un tabloid da due soldi come Libero pubblichi articoli del genere, ma è interessante costatare come da certi settori del mondo finanziario si spinga ancora per cercare di convincerci ad uscire dall'unione monetaria (per quanto del tutto irrealistica sia l'ipotesi, a meno solo che una fetta troppo consistente della popolazione non perda del tutto testa dietro alle farneticazioni elettorali dei politici di turno). E' segno che non va abbassata la guardia perchè gli speculatori finanziari, gli unici che guadagnerebbero qualcosa se si rischiasse di fare una cazzata simile, stanno vedendo se è possibile fare ancora qualche soldo alle spalle dei fessi italiani spingendoli ad andare contro i propri interessi. Non a caso questa ed altra stampa-carta-igienica italiana cita in genere fonti "autorevoli" come i news-igienic-paper eurobofi inglesi, la Royal Bank of Scotland (fallita e nazionalizzata de facto dal governo britannico), Merrill Linch (uno dei principali protagonisti delle porcherie con i mutui sub-prime) e simili altre perle di trasparenza e onestà. Ci manca solo la citazione di qualche cartomante per completare la campagna "d'informazione" :mrgreen:
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
MorgenSchatten
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 2979
Joined: Sun Mar 08, 2009 12:44 pm
Location: Cagliari

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby MorgenSchatten » Sat Dec 15, 2012 12:27 am

Ovviamente con "merci dozzinali" intendevo merci di scarso contenuto tecnologico e/o bassa specializzazione della produzione. Esempio stra-abusato il tessile, appunto.
Non scordiamoci che quel grande export degli anni 70/80 era frutto di una combinazione non solo di politiche che miravano a risultati immediati (non so se con l'esatta coscienza di quello che avrebbero comportato nei decenni futuri :arrow: ) ma anche di condizioni storiche favorevoli*: eravamo protetti da pesantissimi dazi che hanno tenuto lontano dai mercati che contavano i competitori che oggi comandano ( :arrow: ma chi lo poteva sapere che il muro di Berlino sarebbe caduto così alla svelta e che a Marrakech nel 1994 il WTO avrebbe sancito l'inevitabile, interrompendo quell'insieme di condizioni che davano vantaggi e affari anche al manifatturiero italiano, rendendo sostenibile lo stato delle cose in Italia?)
(*tra leggenda e realtà la frase di Andreotti: "amo così tanto la Germania che mi piace vederne due")

Per quanto riguarda Libero e i giornali inglesi.
Senza fare polemiche: a chi ha certe opinioni fa piacere leggere di certi argomenti, a chi ne altre, no. Potrei fare un intervento chilometrico su quel che penso di Libero, di chi lo scrive e di che opinione ha mediamente chi lo scrive di chi lo legge. Sintetizzo dicendo che è un giornale che punta molto sull'impatto immediato dei titoli (quasi sempre giochini di parole infantili, utilizzo di soprannomi e nomignoli, battutine fredde). Libero non è mai stato ne europeista ne pro-euro. Ma, dopo che per mesi ha criticato il non interventismo di Berlusconi, ora che Berlusconi è riapparso in pubblico ed è intervenuto, fa di tutto per avvallare ogni suo argomento, questo compreso.
Riportando un articolo della stampa estera che sostiene una tesi più volte sostenuta da Berlusconi, gli da autorevolezza? "ecco la ricetta degli inglesi" , come se l'opinione di un giornale fosse l'opinione di un Paese intero o del suo Governo.
... come se i giornali inglesi riportassero i titoli di Libero spacciandoli per la linea del nostro Governo. I giornali inglesi, dunque, anche loro, non rappresentano certo il Governo. Che per quanto euroscettico e peso insostenibile nell'Unione coi suoi veti, non si permette certo di fare considerazioni del genere.
The Telegraph poi, se vogliamo andare a vedere... appartiene a tali fratelli Barclay, pluri-imputati di evasione fiscale, bancarottieri di professione, ufficialmente residenti e proprietari in una delle Channel Islands... Storicamente è un giornale conservatore, ma visto il nuovo editore, immagino gli scrupoli della nuova linea editoriale e gli opinion-maker che ci scrivono!!!!
my stats here (NIG 1.84)! last update: 16th October 2011.

and you still won't hearing me

lie to me: give me anything-anything to keep me breathing

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5203
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby ART » Sat Dec 15, 2012 2:57 am

MorgenSchatten wrote:The Telegraph poi, se vogliamo andare a vedere... appartiene a tali fratelli Barclay, pluri-imputati di evasione fiscale, bancarottieri di professione, ufficialmente residenti e proprietari in una delle Channel Islands...


Buono a sapersi... chissà come mai la cosa non mi stupisce affatto :roll:
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby claudio vda » Sat Dec 15, 2012 4:58 pm

Il fatto è che in Italia soffriamo (a torto o a ragione) di complessi di inferiorità pertanto onde dare autorevolezza ad una qualunque affermazione (giusta o sbagliata che sia) tendiamo a dire "e questo non lo dico io ma lo dicono gli X" dove X = inglesi, tedeschi, francesi, svedesi, ecc...

Tale modo di fare contiene perlomeno due errori, uno piccolo ed uno grande.
1) Errore piccolo: il fatto che lo dicano i tedeschi/ francesi/lussemburghesi/curvaldesi/ecc non lo rende automaticamente giusto
2) Errore grande: i francesi/belgi/inglesi/irlandesi/finnici/ecc non sono un blocco monolitico che quello che pensa uno lo pensano tutti; anche loro hanno numerosi movimenti d'opinione, idee politiche differenti, studi fra loro contraddittori e tutto il resto.

La cosa che mi fa cascare maggiormente le braccia è l'errore (2), possibile che la gente non si renda conto dell'esistenza di idee differenti?
Eppure basterebbe applicare la stessa ricetta all'Italia per rendersene conto; dialogo ipotetico fra due tedeschi.
-Lo sapevi che secondo un autorevole quotidiano italiano (l'Unità) , Berlusconi è sceso in politica solo per evitare di finire in carcere? L'opinione degli italiani in merito è dunque netta: Berlusconi è un criminale!
-Che strano, avevo appena trovato un altro autorevole quotidiano italiano (il Giornale) dove sta scritto che i processi contro Berlusconi sono tutti di carattere politico e che la sua azione di governo ha fatto grande l'Italia nel mondo. L'opinione degli italiani in merito è dunque netta: Berlusconi è un grande statista!


... e se questo è vero per l'Unità e il Giornale, possibile che la gente non si renda conto che esitono gli analoghi pure in altri paesi? :roll: Un pochino di senso critico, bitte!
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5203
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby ART » Sat Dec 15, 2012 8:51 pm

Discorso sacrosanto, Claudio, ma non tutti sanno ragionare e altri fingono di non saperlo fare proprio per sfruttare i primi.
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
MorgenSchatten
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 2979
Joined: Sun Mar 08, 2009 12:44 pm
Location: Cagliari

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby MorgenSchatten » Wed Jan 16, 2013 11:26 pm

Domenico Scilipoti, a torto o a ragione simbolo tanto dell'opportunismo quanto dell'incompetenza, rientra nella grande lista degli impresentabili, e nessuno si assume il rischio di candidare un personaggio che creerebbe un danno d'immagine così evidente. Così, prossimo alla dipartita, giustifica la sua mancata candidatura come una scelta personale a favore di un maggiore impegno per battaglie civili da condurre fuori dal Parlamento. Quali? Che domande! Il ritorno alla sovranità monetaria e la lotta ai Grassi Bankieri!
Augurando al mitico Mimmo una pensione serena che gli conceda abbastanza tempo da dedicare ai suoi tweet deliranti -che adoro!- gli chiedo uno scambio equo: l'intero ammontare del suo trattamento di fine servizio maturato in 5 anni da deputato tutto in :note-100: , che gli pagherò 30 cent. l'una.

Image
my stats here (NIG 1.84)! last update: 16th October 2011.

and you still won't hearing me

lie to me: give me anything-anything to keep me breathing


User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5203
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby ART » Thu Jan 17, 2013 2:10 am

E a questo punto non poteva mancare Sara Tommasi col rap signoraggista:
http://www.youtube.com/watch?v=MO7dnbs9-hI
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Curiosa "bimbominkiata" sull'euro

Postby claudio vda » Thu Jan 17, 2013 8:39 am

Ma se tornassimo alle monete d'oro? In tal modo i signoraggisti non avrebbero più di che lamentarsi...

...o forse si, perché l'oro, signori miei, non è più quello di una volta e poi nessuno giustifica come mai le banche mettano in circolazione monete d'oro quando ci sono altri metalli più preziosi quali ad esempio il platino: vi verranno a dire che lo fanno per evitare l'insorgenza di platinosi cronica nella popolazione ma in realtà è tutta una truffa. La verità è che si usano monete d'oro solo perché si vuole continuare a sfruttare miniere fortemente inquinanti (per l'estrazione del biondo metallo oggi si usano o cianuri oppure mercurio) onde incrementare le spese mediche e fare soldi con la sanità. E poi il vero progresso sarebbe passare da una valuta metallica ad una rappresentante un bene alimentare effettivo sul modello dei kuku di riso del Giappone, sistema accantonato a metà '800 per aprirsi all'Occidente e al capitalismo selvaggio. Partecipa anche tu alla campagna per la moneta risoconvertibile! Informati! Basta potere delle banche!

La cosa graziosa è che questo discorso senza capo né coda è stato costruito tutto partendo da fatti reali (la platinosi, i metodi estrattivi al cianuro, i kuku di riso...) : è la miscela che è assurda ;)
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!


Return to “Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking (Italiano)”

Who is online

Users browsing this forum: Baidu [Spider], Google [Bot] and 1 guest