Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gorica

Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking in lingua italiana

Moderator: ravestorm

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5222
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gorica

Postby ART » Sun Apr 15, 2012 5:25 am

Non c'è niente da fare: tutti per un motivo o per l'altro siamo attirati da Gorizia e Nova Gorica (che si pronuncia "nova gorìtsa"), non a caso molti di noi provenienti dalle più lontane parti d'Italia ci sono già stati... questo luogo sembra emanare una forza mistica, tipo triangolo delle Bermuda. Tutti noi nel profondo inconfessabile anche ad amici e parenti bramiamo di fare assolutamente questa cosa: andare a tracciare a Gorizia e Nova Gorica. Per questo ho pensato di scrivere una breve guida che dia informazioni utili a chi vuole andare in pellegrinaggio a Gorizia (cap 34170) e Nova Gorica (cap 5000), con un percorso ideale per chi vuole fare visite rapide in giornata.

Image

Eccovi la migliore cartina esistente delle due città http://www.ung.si/~fmarusic/fdsl/slikce/gorica.jpg
qui con una zoomata media per una visione più d'insieme http://www.ung.si/~jezik/console/slike/ ... _karta.jpg

e Gorizia in "Un dot pregiato" http://forum.eurobilltracker.com/viewto ... 6&start=75 dove fra l'altro ho parlato nel dettaglio di piazza Transalpina/Evrope. Le due città corrispondono a due dot diversi.


ARRIVATI ALLA STAZIONE:

Se avete voglia di scarpinare potete fare tutto tranquillamente a piedi, se no potete prendere l'autobus N.1 che passando per il centro città vi porta fino alla famosa Piazza Transalpina (il lato italiano della piazza) e ritorno, oppure potete prendere il INT / Gorizia - Nova Gorica, che facendo inizialmente lo stesso percorso dell'1 vi porta direttamente a Nova Gorica (passando anche da Trg Evrope, il lato sloveno della piazza) fermandosi al capolinea degli autobus di Nova Gorica e poi tornando indietro. Quest'ultimo costa 1,30, il biglietto ve lo fa il conducente, e una volta che lo prendete a una delle stesse fermate dell'1 non potete più scendere in Italia ma solo alle fermate oltre confine (la prima è appunto in Piazza Evrope). Se lo prendete a Nova Gorica è la stessa cosa ma al contrario: salita a una delle fermate slovene e discesa solo a una delle fermate italiane.

http://www.aptgorizia.it/it/14012/linea ... rnazionale

A GORIZIA:

Proseguendo sempre dritti fuori dalla stazione imboccate Corso Italia, detto semplicemente "il corso", la via principale di Gorizia, dove vedrete un po' com'è la città in generale con i suoi vecchi palazzi austro-ungarici e delle villette carine.
Lungo il corso ci sono diverse banche (purtroppo la Banca d'Italia è stata chiusa) e pure un negozio cambiavalute.
Proseguendo nella sua diretta continuazione, Corso Guiseppe Verdi, e svoltando in via Oberdan (quella davanti alla posta centrale) arrivate in Piazza della Vittoria, dove vedrete la grande Chiesa di Sant'Ignazio e il castello, arroccato su una collinetta. Potete salire al castello con la strada che ci gira attorno dove avrete una bella panoramica della zona prima verso Nova Gorica e poi, in cima, verso Gorizia.

IN PIAZZA TRANSALPINA/EVROPE:

Proseguite dritti per via Carducci e poi via Silvio Pellico: potete arrivare in questa mitica piazza prendendo Via del San Gabriele (se volete andarci costeggiando poi il confine dal lato sloveno, in Klodvorska pot) oppure Via dei Catterini (se preferite costeggiare il lato italiano). Se invece volete il primo impatto col confine proprio in piazza prendete Via del Monte Santo e poi Via Caprin.

In piazza è obbligatorio fermarsi a fare la classica foto con un piede al di qua e uno al di là del confine :lol: e prima di rilassarvi sulla panchina potete andare al bar della stazione di Nova Gorica o al primo binario a prendervi da mangiare e da bere (magari la "Cokta" o qualche altra strana bevanda, ma anche degli ottimi yoghurt liquidi) ai distributori automatici. Poi se siete confinologi (ma ve lo consiglio anche se non lo siete) potete visitare il piccolo ma interessante Museo del Confine, situato in uno dei locali della stazione. E' gratuito, per visitarlo bisogna chiedere all'ufficio turistico appena entrati in stazione a destra.

Gli orari:
da lunedì a venerdì: 13.00-17.00
Sabato: 9.00-17.00
Domenica: 10.00-17.00

A NOVA GORICA:

Attraverso Klodvorska pot tornate indietro e prendete Erjavčeva ulica...

[Piccola divagazione per confinologi e curiosi: all'inizio di Erjavčeva ulica, a destra dell'ex-posto di controllo del confine e subito prima del passaggio a livello, vedrete una galleria pedonale/ciclabile: se la attraversate e continuate a camminare alla vostra destra vedrete le famose ville con le recinzioni che fanno da confine di stato. Se proseguite sempre dritti arriverete al confine in via Rafut, un pittoresco piccolo passaggio agricolo di confine. Se vi va di scarpinare ancora un po' proseguendo dritti arriverete su un ponte da cui potrete vedere dall'alto il famoso passaggio di confine di Casa Rossa / Rožna Dolina. In questo punto sono avvenuti due eventi storici importanti di cui accennerò molto sinteticamente: la cosiddetta "Domenica delle scope", in cui il 13 agosto 1950 una folla di italiani rimasti a Nova Gorica sfondò il confine per riversarsi a Gorizia e comprare delle scope (non si sa perchè all'epoca impossibili da trovare a Nova Gorica...) e lo scontro fra una squadra di soldati sloveni e un gruppo di carri armati dell'esercito federale jugoslavo durante la breve guerra d'indipendenza della Slovenia].

... se la percorrete fino in fondo arriverete al Trgovski center (che è di fronte al capolinea degli autobus, dove vi lascia il Gorizia - Nova Gorica) una piazza con un centro commerciale e degli ATM dove vi potrete rilassare e magari comprare qualcosa da mangiare e bere al market.
Nova Gorica è stata costuita a partire dal 1948, quindi non c'è molto di "artistico" da vedere, ma per fare un giro potete magari andare ai casinò (lo Hit o il Perla) a cambiare soldi. A nord ha una frazione, Solkan (cap 5250), che urbanisticamente è tutt'uno con la città ma viene tracciata spesso come a sè stante.
Se volete fare un po' di shopping la cosa migliore è andare al grande centro commerciale Qlandia ( http://www.qlandia.si/it/ ), non molto lontano dal Trgovski center, dove ci sono un ipermarket e molti negozi.


DIVAGAZIONE A PARTE PER CONFINOLOGI e MANIACI DEL "LOCALITY HUNTING":


A piedi si può prendere comodamente anche un altro comune, Šempeter (cap 5290), sempre unito a Gorizia ma a sud-est. Ci si arriva da Corso Italia prendendo via 24 maggio e andando dritti fino in fondo: poco oltre il confine sulla destra ci sono due market, e in paese alcuni negozi.

PER ALPINISTI e CONFINOLOGI AVVENTURIERI:

Se avete tempo e siete baldi giovincelli che non si fanno spaventare dalla fatica e in certa misura anche dal pericolo potete fare questa bella cosa: arrampicarvi sul monte Sabotino.
E' un monte alto 609 m che sorge appena oltre la periferia nord di Nova Gorica: ci si arriva dopo aver passato l'Isonzo sul ponte che a quanto si dice è il più lungo d'Europa a campata unica, da dove c'è una splendida visuale del fiume, seguendo la cosiddetta "strada di Osimo", che passa sul lato del monte per un tratto in territorio italiano (e per accordo specifico fin dai tempi della Jugoslavia ci si poteva passare liberamente, senza controlli). Arrivati presso il confine, dove la strada passa nel tratto italiano, c'è un ripido sentiero che porta su, su e ancora su. Impossibile perdersi, ci sono pure i segnali scout, e si verrà ripagati oltre che con la soddisfazione di aver sfidato la natura anche con panchine su strapiombi, cippi di confine d'alta quota e una magnifica vista di Gorizia/Nova Gorica.

PER CONFINOLOGI e AMANTI DEL GOSSIP:

Se sulla cartina seguite la linea di confine verso nord, quasi arrivati al fiume e in corrispondenza della via slovena Pot na Breg noterete che il tracciato fa una deviazione brusca verso est per includere in Italia un fabbricato e altre piccole strutture. Quella è la villa della defunta contessa Lidia Hornik, detta Liduska, un'imprenditrice agricola che durante la seconda guerra mondiale si trovava in Kenya per seguire le piantagioni di cui la sua famiglia era proprietaria.
Inizialmente il confine era stato tracciato dritto, in modo da lasciare la villa in Slovenia, così quando Liduska lo venne a sapere si precipitò in Italia perchè la cosa non le andava proprio a genio. Si racconta che prima della marcatura definitiva del confine ebbe l'idea di dare un party nella sua villa a cui fra gli altri invitò alcuni ufficiali inglesi della squadra che era incaricata di tracciare sul campo la linea decisa dal trattato di pace: concedendogli opportunamente "le sue grazie" l'allora ventiquattrenne contessa riuscì a fare in modo che la frontiera fosse deviata. Che questo evento del bunga-bunga in villa sia leggenda o meno fatto sta che ci riuscì... :mrgreen:




COSA MANGIARE A GORIZIA E NOVA GORICA?


Nella zona giuliana sono facilmente reperibili nei negozi la Gubana, il Presnitz e il Kranz, dolci lontani parenti dello Strudel austriaco. Per il resto vi potete buttare in generale anche sui formaggi locali e il vino, ce ne sono di ottimi. Se volete mangiare al ristorante vi consiglio la trattoria Da Gianni, in via Morelli 10, famosissima anche ben oltre Gorizia per la varietà del menù (sia italiano che sloveno) e soprattutto per le generose porzioni servite. Dato che è sempre strapieno però è necessario prenotare un po' prima. Specialità della casa è la Ljubljanska, detta anche Lubianska, fetta di carne impanata e farcita simile alla cotoletta italiana, che viene venduta anche per asporto in una porzione singola che riempie un cartone da pizza.

Stanchi come sarete di camminare è probabile che a Nova Gorica vi fermerete in qualche negozio di alimentari, qualche market se non in qualche ristorante per comprare qualcosa da mangiare e bere (e per farvi dare resto, naturalmente). La Slovenia in questo settore è rinomata per la carne (ad esempio i Cevapcici, polpettine di carne speziata, oppure la già citata Ljubljanska) e per il pane, giudicato da tutti molto buono e di solito preferito a quello goriziano. Come dolci tipici abbiamo ad esempio le Palacinke, piadine farcite con vari ingredienti e la Gibanica (si pronuncia "ghibanìza"), torta fatta con semi di papavero e mele. A molti me compreso piacciono assai gli yoghurt, che in genere sono venduti anche nei distributori di bevande, mentre il resto dei formaggi non è granchè. Avete a vostra disposizione per gli esperimenti anche la Cokta (bevanda simile al chinotto fatta con estratti di erbe), molto popolare in Slovenia. Se volete assaggiare la cioccolata locale a mio avviso merita la Gorenjka alle nocciole http://www.had.si/blog/wp-content/uploa ... jka-02.jpg
Se volete provare anche la cioccolata croata nei supermarket trovate la Zvecevo e la Kras.

QUALCHE SOUVENIR PARTICOLARE:

Se volete dei ricordi carini di Gorizia potete comprare un paio di cose.
Gorizia - Nova Gorica, niente da dichiarare, libro di Roberto Covaz edito nel 2007, 11 € , che parla nel dettaglio della storia del confine con molti eventi storici, aneddoti divertenti e un po' di fotografie. Imperdibile per i confinologi. Anche se è un po' vecchio le maggiori librerie tengono sempre esposte delle copie di libri di quella casa editrice locale, quindi dovreste riuscire a trovarlo lo stesso. Dello stesso autore è uscito nel 2012 anche "La Domenica delle scope", 14 €, che approfondisce l'evento a cui ho accennato e racconta altri aneddoti.
In aggiunta o alternativa potete comprare in edicola una copia di Isonzo-Soča, rivista transfrontaliera con gli articoli scritti sia in italiano che in sloveno che parla di vari argomenti locali e spesso anche del confine ( http://www.isonzo-soca.it/ ).
In alcuni numeri vecchi c'era un fumetto amatoriale ambientato a Gorizia: eccovene una puntata dove il confine fa quasi da protagonista :D
http://www.isonzo-soca.it/fumetti_dett. ... d_a=56&id=
Last edited by ART on Wed Aug 24, 2016 2:46 am, edited 79 times in total.
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
GNUGNU
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 2820
Joined: Mon Oct 24, 2005 2:31 pm
Location: Ravina - Trento; Italy
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby GNUGNU » Sun Apr 15, 2012 11:40 am

ART wrote:PER ALPINISTI e CONFINOLOGI AVVENTURIERI:

Se avete tempo e siete baldi giovincelli che non si fanno spaventare dalla fatica e in certa misura anche il pericolo potete fare questa bella cosa: arrampicarvi sul monte Sabotino.
E' un monte alto 609 m che sorge appena oltre la periferia nord di Nova Gorica: ci si arriva dopo aver passato l'Isonzo sul ponte che a quanto si dice è il più lungo d'Europa a campata unica, da dove c'è una splendida visuale del fiume, seguendo la cosiddetta "strada di Osimo", che passa sul lato del monte per un tratto in territorio italiano (e per accordo specifico anche quando la Slovenia non era ancora in Schengen ci si poteva passare liberamente, senza controlli). Arrivati presso il confine, dove la strada passa nel tratto italiano, c'è un sentiero che porta su, su e ancora su. Impossibile perdersi, ci sono pure i segnali scout e si verrà ripagati oltre che con la soddisfazione di aver sfidato la natura anche con panchine su strapiombi, cippi di confine d'alta quota e una magnifica vista di Gorizia/Nova Gorica.


Che tentazione! Da aggiungere ai miei "desiderata"
"sö questa vita che vìvum de sfroos,
sö questa vita che sògnum de sfroos,
in questa nòcc che prègum de sfroos."
My statistics - 30.000 notes

User avatar
mico
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 4985
Joined: Wed Jan 14, 2009 10:40 pm
Location: Fano (Pesaro e Urbino)

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby mico » Sun Apr 15, 2012 1:31 pm

hai fatto un lavoro straordinario ART, complimenti, come fosse una hit :wink:

fino a prima di leggere questo tuo post, ero dell'idea (se e quando un giorno mi recherò pure io in pelleggrinaggio a Gorizia) che avrei preso la linea 1 fino a piazza della transalpina e da qui avrei iniziato la visita alle due città
invece l'idea di prendere l'autobus con capolinea a Nova Gorica che non fa fermate in Italia mi affascina molto: assomiglia molto alle navi passeggeri battenti bandiera straniera su cui puoi imbarcarti in uno dei vari porti italiani. Sali sul mezzo di trasporto e sei già all'estero :idea:

ART wrote:DIVAGAZIONE A PARTE PER CONFINOLOGI E MANIACI DEL "LOCALITY HUNTING":

A piedi si può prendere comodamente anche un altro comune, Šempeter, sempre unito a Gorizia ma a sud-est. Ci si arriva da Corso Italia prendendo via 24 maggio e andando dritti fino in fondo: poco oltre il confine sulla destra c'è un market, e in paese alcuni negozi.

secondo me questo sotto-post lo dovresti integrare, parlando non solo di San Pietro ma anche di dove tracciare da qui e anche dalle altre località in comune di Nova Gorica che conosci. Il sottotitolo, richiamando le più diffuse guide turistiche, potrebbe essere GORIZIA / NOVA GORICA E DINTORNI. E non dimenticare di suggerire anche i codici di avviamento postale...
:flag-it: le mie EBTST :flag-uk: my EBTST :flag-fr: mes EBTST
--------------------------------------------
:flag-it: le mie statistiche elaborate con il NIG 1.84

User avatar
giulcenc
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8180
Joined: Mon Feb 06, 2006 9:53 pm
Location: Riccò del Golfo + Lerici (SP - Italy)
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby giulcenc » Sun Apr 15, 2012 2:20 pm

Grazie ART, visto che prossimamente (salvo problemi dell'ultimo minuto) dovrei essere con moglie e figlio in Veneto, una giornata dedicata a Gorizia e Nova Gorica è d'obbligo. Sarà la terza volta per me, la seconda da tracciatore, e confesso che il museo del confine mi intrippa parecchio :mrgreen:

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5222
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby ART » Mon Apr 16, 2012 12:22 am

Grazie a tutti per l'apprezzamento. Se avete curiosità di qualche tipo chiedete, io ogni tanto aggiornerò il post iniziale anche secondo eventuali suggerimenti.



GNUGNU wrote:Che tentazione! Da aggiungere ai miei "desiderata"


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/c ... 2x1704.JPG
(quella la striscia bianca che vedi tagliare il monte in basso è la strada di Osimo)

E' un monte "vissuto": oltre a passarci il confine ci si combatterono battaglie nella prima guerra mondiale. Su un lato, quasi in cima, negli anni '40 un gruppo di soldati jugoslavi ci formò con delle pietre carsiche bianche la gigantesca scritta "NAS TITO" (Tito nostro), visibile da Gorizia. Dopo la dissoluzione della Jugoslavia si lasciò che la vegetazione spontanea la coprisse ma qualche anno dopo fu riportata da qualcuno in vista. Anni fa il comune di Nova Gorica la fece trasformare in "SLO", ma qualcun'altro la ricompose com'era in origine. Oggi dovrebbe essere di nuovo coperta, o almeno lo era l'ultima volta che sono stato a Gorizia.

mico wrote:hai fatto un lavoro straordinario ART, complimenti, come fosse una hit :wink:

fino a prima di leggere questo tuo post, ero dell'idea (se e quando un giorno mi recherò pure io in pelleggrinaggio a Gorizia) che avrei preso la linea 1 fino a piazza della transalpina e da qui avrei iniziato la visita alle due città
invece l'idea di prendere l'autobus con capolinea a Nova Gorica che non fa fermate in Italia mi affascina molto: assomiglia molto alle navi passeggeri battenti bandiera straniera su cui puoi imbarcarti in uno dei vari porti italiani. Sali sul mezzo di trasporto e sei già all'estero :idea:


Qui mi sono spiegato male, colpa mia. L'autobus fa fermate anche in Italia (le stesse dell'1, più o meno), ma le fa solo per prendere a bordo passeggeri che poi per scendere devono aspettare di aver passato il confine. Quando torna indietro dal capolinea fa la stessa cosa, ma al contrario: puoi salire a qualunque fermata slovena ma per scendere devi aspettare che torni in Italia.

Quando la Slovenia non era ancora in Schenegn e non aveva l'euro questa linea esisteva già. Sul biglietto il prezzo era indicato sia in euro che in talleri sloveni e potevi pagare in una qualunque delle due valute. Come oggi passava il confine in via San Gabriele, con la seguente procedura: arrivava al posto di controllo italiano e apriva la porta anteriore, un poliziotto saliva, guardava dentro rimanendo fermo affianco al conducente e scendeva, poi il mezzo superava il confine e si fermava al posto di controllo sloveno dove un poliziotto ripeteva la stessa operazione del collega italiano. Alchè l'autobus proseguiva per piazza Evrope, dove il confine (già fisicamente aperto) era sorvegliato solo di tanto in tanto... :lol:

http://www.aptgorizia.it/cms/data/brows ... to_img.jpg

mico wrote:
ART wrote:DIVAGAZIONE A PARTE PER CONFINOLOGI E MANIACI DEL "LOCALITY HUNTING":

A piedi si può prendere comodamente anche un altro comune, Šempeter, sempre unito a Gorizia ma a sud-est. Ci si arriva da Corso Italia prendendo via 24 maggio e andando dritti fino in fondo: poco oltre il confine sulla destra c'è un market, e in paese alcuni negozi.

secondo me questo sotto-post lo dovresti integrare, parlando non solo di San Pietro ma anche di dove tracciare da qui e anche dalle altre località in comune di Nova Gorica che conosci. Il sottotitolo, richiamando le più diffuse guide turistiche, potrebbe essere GORIZIA / NOVA GORICA E DINTORNI. E non dimenticare di suggerire anche i codici di avviamento postale...


Ci avevo pensato, ma il problema è che i dintorni Nova Gorica non li conosco molto bene neanch'io, pur avendoci fatto qualche giro in auto...

giulcenc wrote:Grazie ART, visto che prossimamente (salvo problemi dell'ultimo minuto) dovrei essere con moglie e figlio in Veneto, una giornata dedicata a Gorizia e Nova Gorica è d'obbligo. Sarà la terza volta per me, la seconda da tracciatore, e confesso che il museo del confine mi intrippa parecchio :mrgreen:


E' piccolo ma bello: ci sono reperti come uniformi d'epoca dei doganieri e poliziotti italiani e sloveni, cartelli di confine, lasciapassare e altre cose. Poi c'è una grossa stella rossa di ferro, che fino all'indipendenza slovena era sul tetto della stazione sopra a un grande cartello con la scritta "mi gradimo socializem" (noi costruiamo il socialismo).

Ma la cosa più interessante è proprio la storia stessa del confine, che è molto simile a quella del muro di Berlino. Non è una cosa molto nota altrove, ma anche qui ci sono stati "muri" invalicabili che qualcuno ha cercato di superare (a volte restandoci secco per gli spari delle guardie di confine), famiglie e amici separati, territori che hanno sofferto economicamente per la divisione e una serie di aneddoti particolari che riguardano il confine.
Last edited by ART on Sun Sep 09, 2012 3:14 am, edited 2 times in total.
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
isabetta
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 1442
Joined: Wed May 28, 2008 4:43 pm
Location: Cagliari, Italy
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby isabetta » Mon Apr 16, 2012 10:11 am

Grazie mille ART, la tua guida è utilissima. A Gorizia spero di tornare presto, perché purtroppo avevo solo mezza giornata per visitarla, e mi sarà molto utile (il museo era una delle mie mete, ma era una bellissima giornata di luglio e ho scelto la passeggiata a piedi fino a Šempeter).
Devo dire che ogni volta che leggo di questa città speciale mi commuovo un po', perché per me è importante come appassionata di luoghi di confine e dal punto di vista personale... da quando l'ho visitata cerco di scrivere qualcosa che racconti cosa ho provato, poi mi viene sempre il magone e non ci riesco :)

User avatar
claudio vda
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8754
Joined: Wed Nov 07, 2007 2:35 pm
Location: Pisa (IT) + Bremen (DE)
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby claudio vda » Mon Apr 16, 2012 7:28 pm

Gorizia e Nova Gorica sono nei nostri cuori...

Io ho solo un appunto da fare: possibile che i due Comuni non si siano riusciti a mettere d'accordo per dare uno stesso nome a Piazza della Transalpina / Trg Evrope? :?
My statistics are HERE, last update 17th September 2017 .
Join the European Association of Eurobilltrackers (A2E) !!!

User avatar
mico
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 4985
Joined: Wed Jan 14, 2009 10:40 pm
Location: Fano (Pesaro e Urbino)

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby mico » Mon Apr 16, 2012 10:04 pm

concludo il mio post con i codici di avviamento postale

:flag-it: 34170 Gorizia e le sue frazioni

i cap della slovenia li ho trovati consultando questo sito: http://www.geopostcodes.com/it/slovenia_zip_codes
:flag-si: 5000 Nova Gorica
:flag-si: 5290 Šempeter pri Gorici

volendo c'è anche il soto ufficiale delle poste slovene http://www.posta.si/
ma non sono riuscito a tirarci fuori un cap :!:
:flag-it: le mie EBTST :flag-uk: my EBTST :flag-fr: mes EBTST
--------------------------------------------
:flag-it: le mie statistiche elaborate con il NIG 1.84

User avatar
floyd.fz6
Euro-Expert in Training
Euro-Expert in Training
Posts: 309
Joined: Sat Feb 13, 2010 7:36 pm
Location: N 45°37' / E 13°49'

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby floyd.fz6 » Mon Apr 16, 2012 10:18 pm

mico wrote:concludo il mio post con i codici di avviamento postale

:flag-it: 34170 Gorizia e le sue frazioni


Mi sembrano pochine quelle frazioni... probabilmente quel sito non è molto aggiornato Image

Image

User avatar
mico
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 4985
Joined: Wed Jan 14, 2009 10:40 pm
Location: Fano (Pesaro e Urbino)

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby mico » Mon Apr 16, 2012 10:54 pm

floyd.fz6 wrote:Mi sembrano pochine quelle frazioni... probabilmente quel sito non è molto aggiornato Image

credo che siano solo le frazioni ove c'è (o c'era) un ufficio postale. Nonsolocap.it copia brutalmente l'elenco delle frazioni fornito dalle Poste Italiane e, se ben ricordo, fino a circa dieci anni fa per ogni sportello c'era un cap diverso (più o meno)
:flag-it: le mie EBTST :flag-uk: my EBTST :flag-fr: mes EBTST
--------------------------------------------
:flag-it: le mie statistiche elaborate con il NIG 1.84

grantedo
Euro-Expert
Euro-Expert
Posts: 691
Joined: Thu Jan 21, 2010 9:11 pm

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby grantedo » Tue Apr 17, 2012 12:46 am

mico wrote:
floyd.fz6 wrote:Mi sembrano pochine quelle frazioni... probabilmente quel sito non è molto aggiornato Image

credo che siano solo le frazioni ove c'è (o c'era) un ufficio postale. Nonsolocap.it copia brutalmente l'elenco delle frazioni fornito dalle Poste Italiane e, se ben ricordo, fino a circa dieci anni fa per ogni sportello c'era un cap diverso (più o meno)


per le frazioni mi è capitato di imbattermi in questi 2 siti http://www.guidacomuni.it/, http://italia.indettaglio.it/ita/index.html :wink:
Mappe dei comuni italiani non ancora tracciati su ebt divise per regione/Maps of Italian cities not yet tracked on ebt divided into regions: http://forum.eurobilltracker.com/viewtopic.php?f=39&t=21818&start=360#p984980

User avatar
sen-chuan
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 4387
Joined: Wed Apr 21, 2004 1:33 pm
Location: Jesolo (Venezia)
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby sen-chuan » Tue Apr 17, 2012 4:43 pm

Marito: Ciao sono a Gorizia.
sen-chuan: Comeeeeeeee? E quando mi ci porti?
Marito: ma cosa vuoi vedere, non c'è niente a Gorizia!
sen-chuan: Image

Ecco la nostra conversazione odierna, che si ripete ormai da annnnnnni e annnnnnnnnnnnni... Image... abitarci praticamente vicino e non poterci andare!!! Image Image

User avatar
giulcenc
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8180
Joined: Mon Feb 06, 2006 9:53 pm
Location: Riccò del Golfo + Lerici (SP - Italy)
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby giulcenc » Tue Apr 17, 2012 4:49 pm

sen, ti ci porto io!!!!!!
Quando ho detto a mia moglie che voglio tornare a Gorizia per fare una foto a cavallo del confine del confine (un piede in Piazza della Translpina e l'altro in Trg Evrope) e per tracciare da antrambi i lati, mi ha risposto con un "Non avevo dubbi!" che la dice lunga :mrgreen: :lol:

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5222
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby ART » Wed Apr 18, 2012 1:58 am

AGGIUNTE NUOVE INFORMAZIONI

___________


isabetta wrote:Grazie mille ART, la tua guida è utilissima. A Gorizia spero di tornare presto, perché purtroppo avevo solo mezza giornata per visitarla, e mi sarà molto utile (il museo era una delle mie mete, ma era una bellissima giornata di luglio e ho scelto la passeggiata a piedi fino a Šempeter).
Devo dire che ogni volta che leggo di questa città speciale mi commuovo un po', perché per me è importante come appassionata di luoghi di confine e dal punto di vista personale... da quando l'ho visitata cerco di scrivere qualcosa che racconti cosa ho provato, poi mi viene sempre il magone e non ci riesco :)


Caspita, abbiamo una ragazza innamorata di Gorizia! Certi ci prendono per pazzi totali, tipo il marito di sen-chuan... ma noi sappiamo la Verità :lol:

claudio vda wrote:Gorizia e Nova Gorica sono nei nostri cuori...

Io ho solo un appunto da fare: possibile che i due Comuni non si siano riusciti a mettere d'accordo per dare uno stesso nome a Piazza della Transalpina / Trg Evrope? :?


Purtroppo non ci si è riusciti: si era proposto di cambiare nome da piazza Transalpina a piazza Europa ma c'è stata l'opposizione dei molti bofonchiatori locali che non vedono di buon occhio la maggiore integrazione delle due città.

sen-chuan wrote:Marito: Ciao sono a Gorizia.
sen-chuan: Comeeeeeeee? E quando mi ci porti?
Marito: ma cosa vuoi vedere, non c'è niente a Gorizia!
sen-chuan: Image

Ecco la nostra conversazione odierna, che si ripete ormai da annnnnnni e annnnnnnnnnnnni... Image... abitarci praticamente vicino e non poterci andare!!! Image Image


Pazienta: prima o poi il Giorno della Gita a Gorizia verrà :lol:
"If you lose, you can't win" (Andrea)
"Let's go to see the monsters" (Andrea)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
European soul, European pride.

User avatar
giulcenc
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 8180
Joined: Mon Feb 06, 2006 9:53 pm
Location: Riccò del Golfo + Lerici (SP - Italy)
Contact:

Re: Guida per tracciatori escursionisti a Gorizia / Nova Gor

Postby giulcenc » Wed Apr 18, 2012 11:51 am

ART wrote: PER CONFINOLOGI e AMANTI DEL GOSSIP:

Se sulla cartina seguite la linea di confine verso nord, quasi arrivati al fiume e in corrispondenza della via slovena Pot na Breg noterete che il tracciato fa una deviazione brusca verso est per includere in Italia un fabbricato e altre piccole strutture. Quella è la villa della defunta contessa Lidia Hornik, detta Liduska, un'imprenditrice agricola che durante la seconda guerra mondiale si trovava in Kenya per seguire le piantagioni di cui la sua famiglia era proprietaria.
Inizialmente il confine era stato tracciato dritto, in modo da lasciare la villa in Slovenia, così quando Liduska lo venne a sapere si precipitò in Italia perchè la cosa non le andava proprio a genio. Si racconta che prima della marcatura definitiva del confine ebbe l'idea di dare un party nella sua villa a cui fra gli altri invitò alcuni ufficiali inglesi della squadra che era incaricata di tracciare sul campo la linea decisa dal trattato di pace: concedendogli opportunamente "le sue grazie" l'allora ventiquattrenne contessa riuscì a fare in modo che la frontiera fosse deviata. Che questo evento del bunga-bunga in villa sia leggenda o meno fatto sta che ci riuscì... :mrgreen:

Aneddoto interessante, se ho capito bene l'edificio è quello subito sotto la parola Pot:
1.jpg
1.jpg (50.97 KiB) Viewed 3128 times


Sembra una situazione simile a quest'altro edificio, poco più a nord del valico di Rafut/Pristava, sotto a quello che si trova al termine della strada slovena chiamata Ulica Pinka Tomazice:
2.jpg
2.jpg (29.93 KiB) Viewed 3128 times

Si può vedere in parte da questa immagine di Google Maps: http://g.co/maps/vwqh2 , è l'edificio bianco in secondo piano parzialmente coperto da un albero e con una tettoia davanti all'ingresso.
In questo caso però il confine ha aggirato l'edificio allo scopo di comprenderlo interamente in Slovenia.


Return to “Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking (Italiano)”