Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking in lingua italiana

Moderator: ravestorm

Post Reply
User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Fri Dec 28, 2018 12:07 am

[ERM II, ovvero Meccanismo Europeo di Cambio. Sistema secondo cui chi aderisce al meccanismo deve mantenere la sua valuta con un margine di fluttuazione del ± 15% rispetto all'euro. Per entrare nell'unione monetaria bisogna farne parte per almeno due anni]


Bulgaria

Il 29 giugno 2018 il ministro delle finanze bulgaro e il governatore della Banca Nazionale Bulgara hanno inviato una lettera all'Eurogruppo per chiedere l'ingresso nell'ERM II entro luglio 2019 ( http://www.consilium.europa.eu/media/36 ... pation.pdf ). Il 12 luglio l'Eurogruppo e la BCE hanno pubblicato una dichiarazione sui passi necessari perché la Bulgaria venga accettata nel meccanismo ( http://www.consilium.europa.eu/en/press ... icipation/ ). La permanenza nell'ERM non sarà un problema dato che la Bulgaria ha la sua valuta ancorata da cambio fisso all'euro ( 1,95583 lev = 1 euro ).
Tutti gli altri requisiti sono già soddisfatti ma la Bulgaria è ostacolata dal troppo elevato tasso di corruzione, che spaventa non poco e fra l'altro impedisce il via libera a Schengen.


Romania

La Romania scalpita per l'ingresso nell'unione monetaria ma l'obiettivo del 2022 che il governo aveva fissato l'ultima volta non è considerato realistico, perchè nonostante il forte sviluppo economico c'è bisogno di riforme strutturali per rendere più stabile e moderno il sistema. Per ideare un piano dettagliato di passaggio all'euro è stata fondata la "Commissione nazionale per il passaggio alla moneta unica" che coordinerà gruppi di lavoro tematico formati da membri dell'Amministrazione Presidenziale, delle confederazioni padronali e sindacali, della Banca Nazionale di Romania e dell'autorità di vigilanza finanziaria rumena, ma anche da personalità della scienza e della cultura e da rappresentanti di organizzazioni non-governative. Per quanto rigurada la possibile data d'ingresso non ci si sbilancia troppo ma ora si parla di non prima del 2024.


Croazia


Anche l'ultimo entrato in UE sta cominciando a darsi da fare. Alla fine dell'anno scorso è stato presentato congiuntamente da governo e Banca Nazionale Croata il documento "Strategia per l'adozione dell'euro in Croazia" (*), dove si spiega nel dettaglio cosa dovrebbe fare la Croazia per arrivare all'adesione all'unione monetaria e le linee guida da seguire anche durante e dopo l'evento. Dato che alcuni criteri non sono ancora soddisfatti non si stimano date per l'ingresso: per ora di certo c'è solo che la prima tappa sarà l'adesione all'ERM II, con l'intenzione di attuarla entro il 2020.
In Croazia l'euro è già oggi piuttosto usato: basta pensare che l'80% dei crediti e dei risparmi sono espressi in euro, come anche molti prezzi.

(*) https://euro.hnb.hr/documents/2070751/2 ... 63f9af3c95



Altri stati e casi particolari

UNGHERIA - L'ingresso nell'unione monetaria, cosa gradita a una vasta maggioranza della popolazione, richiede una modifica costituzionale. Orbán ha posto di fatto veto stabilendo che non entreranno prima che lo stato abbia raggiunto il 90% della media di reddito pro-capite dell'eurozona, di fatto quindi non si partirà almeno finchè non finirà di ammorbare l'Ungheria e l'UE intera con la sua esistenza politica.

REPUBBLICA CECA - Il governo ha una posizione attendista e si limita a dichiarare che bisognerebbe entrare "il prima possibile" nell'unione monetaria.

POLONIA - L'adozione dell'euro richiede una riforma costituzionale e il governo non sembra realmente intenzionato ad affrontare la questione generale dell'ingresso nell'unione monetaria, quindi campa cavallo.

SVEZIA - In seguito al referendum del 2003 continua a rimanere fuori dall'unione monetaria evitando apposta di entrare nell'ERM II.

UK e DANIMARCA hanno l'opt-out che gli permette di rimanere fuori dall'unione monetaria, salvo loro ripensamenti. La Danimarca aderisce lo stesso all'ERM II e mantiene volontariamente un margine di fluttuazione ristretto al ± 2,25% sull'euro, attuando di fatto un cambio fisso.




Paesi non UE


ALBANIA - Dal 2014 è uno dei candidati ufficiali all'ingresso in UE. Nonostante il percorso d'adesione sia ancora lungo già da tempo si parla di adozione unilaterale dell'euro, come in Montenegro e in Kosovo (per quest'ultimo escluse le zone del nord a maggioranza serba), dove l'euro viene usato come valuta nazionale.
Il principale sostenitore di quest'idea è l'economista Zef Preçi, direttore del Centro Albanese per la Ricerca Economica, secondo cui in tutti i Balcani occidentali sarebbe meglio sostituire le valute locali con l'euro, sia per favorire la crescita economica che per spronare il processo di allargamento dell'UE nell'area. Si fa anche notare che come in altri paesi gran parte dei risparmi e dei prestiti albanesi sono già ora denominati in euro, il cui tasso di cambio influenza anche la formazione dei prezzi. Altri esperti invece sono contrari e sostengono che il passo sarebbe prematuro, in quanto l'Albania ha ancora molto da fare nel corretto funzionamento dello stato di diritto e nella stabilità finanziaria. In quest'ottica i casi dl Montenegro e Kosovo sono ritenuti particolari, in quanto per loro l'adozione dell'euro era soprattutto un modo per ottenere l'indipendenza effettiva dalla Serbia.
European soul, European pride.

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Sat Feb 23, 2019 6:38 am

ART wrote:
Fri Dec 28, 2018 12:07 am
Croazia

[...] Dato che alcuni criteri non sono ancora soddisfatti non si stimano date per l'ingresso: per ora di certo c'è solo che la prima tappa sarà l'adesione all'ERM II, con l'intenzione di attuarla entro il 2020.
Secondo le dichiarazioni di questo mese del primo ministro Andrej Plenković l'obiettivo è di entrare nell'unione monetaria nel 2024, entro la fine del mandato del prossimo governo.
European soul, European pride.

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Mon Apr 01, 2019 12:00 am

Secondo le dichiarazioni del primo ministro Boyko Borisov e del ministro delle finanze Vladislav Goranov, la Bulgaria punta ad entrare nell'unione monetaria nel 2022. 
European soul, European pride.

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Mon Jul 29, 2019 11:54 pm

ART wrote:
Sat Feb 23, 2019 6:38 am
Secondo le dichiarazioni di questo mese del primo ministro Andrej Plenković l'obiettivo è di entrare nell'unione monetaria nel 2024, entro la fine del mandato del prossimo governo.
La Croazia, con una lettera (*) congiunta del Ministero delle Finanze e della Banca Nazionale Croata del 4 luglio 2019, ha chiesto ufficialmente l'adesione all'ERM II. Boris Vujčić, governatore della Banca Nazionale Croata, ha dichiarato: "Riteniamo che sia nell'interesse della Croazia adottare l'euro il prima possibile: se la Croazia soddisfa i cosiddetti criteri di Maastricht, nel migliore dei casi l'euro potrebbe essere adottato il 1° gennaio 2023".

(*) https://www.consilium.europa.eu/media/4 ... intent.pdf

ART wrote:
Fri Dec 28, 2018 12:07 am
Bulgaria
Il 29 giugno 2018 il ministro delle finanze bulgaro e il governatore della Banca Nazionale Bulgara hanno inviato una lettera all'Eurogruppo per chiedere l'ingresso nell'ERM II entro luglio 2019
L'ingresso nell'ERM II per questo mese non è stato possibile, adesso si punta alla fine dell'anno.


ART wrote:
Fri Dec 28, 2018 12:07 am
Per quanto rigurada la possibile data d'ingresso non ci si sbilancia troppo ma ora si parla di non prima del 2024.
In Romania un rapporto della Commissione nazionale per il passaggio alla moneta unica rivela che un obiettivo di adesione più realistico sarebbe il 2025-2026, nonostante il primo ministro Viorica Dăncilă avesse annunciato gennaio 2024 come "scadenza fissa". Il rapporto indica il 2024 come la data più ottimistica per aderire all'ERM II. 
European soul, European pride.

User avatar
mico
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5433
Joined: Wed Jan 14, 2009 10:40 pm
Location: Fano (Pesaro e Urbino)

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by mico » Wed Jul 31, 2019 5:19 pm

ART wrote:
Mon Jul 29, 2019 11:54 pm
ART wrote:
Sat Feb 23, 2019 6:38 am
Secondo le dichiarazioni di questo mese del primo ministro Andrej Plenković l'obiettivo è di entrare nell'unione monetaria nel 2024, entro la fine del mandato del prossimo governo.
La Croazia, con una lettera (*) congiunta del Ministero delle Finanze e della Banca Nazionale Croata del 4 luglio 2019, ha chiesto ufficialmente l'adesione all'ERM II. Boris Vujčić, governatore della Banca Nazionale Croata, ha dichiarato: "Riteniamo che sia nell'interesse della Croazia adottare l'euro il prima possibile: se la Croazia soddisfa i cosiddetti criteri di Maastricht, nel migliore dei casi l'euro potrebbe essere adottato il 1° gennaio 2023".
bene. Nell'attesa mi sfoglio orari e prezzi dell'aliscafo che in estate collega Pesaro con la costa croata :mrgreen:

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Mon Sep 30, 2019 3:32 pm

Per chi s'interessa di politica monetaria qui c'è un interessante studio sull'adozione dell'euro in Croazia, realizzato da Tomislav Ćorić (economista, attuale ministro croato dell'energia e dell'ambiente) e Milan Deskar-Škrbić (ricercatore di economia alla Banca Nazionale Croata).

https://pdfs.semanticscholar.org/5e06/d ... 8b90ac.pdf
European soul, European pride.

User avatar
ART
Euro-Master
Euro-Master
Posts: 5540
Joined: Sat Oct 16, 2004 8:26 pm

Re: Situazione dei candidati all'ingresso nell'unione monetaria

Post by ART » Sun Nov 17, 2019 4:26 am

ART wrote:
Fri Dec 28, 2018 12:07 am
Bulgaria
L'ingresso nell'ERM II per questo mese non è stato possibile, adesso si punta alla fine dell'anno.
Nemmeno fine anno è fattibile, adesso il nuovo target è aprile 2020.

Per il suo via libera la BCE ha chiesto uno stress test di sei fra le principali banche bulgare, anche perchè ha riscontrato carenze di capitale in due di esse, la First Investment Bank (FIBank) e la Investbank.
European soul, European pride.

Post Reply

Return to “Discussioni sul sito e sull'Euro-tracking (Italiano)”